Text and direction AKR

Live screenings e light design Domenico Catano

Music Akoros e Domenico Catano

Dresses Jeannine Simon e AKR

Photography Markus Götze  

Prduction AKR2010

in cooperation with effimerateatro, NNU e TeatroForte

Thanks to Fabio Massi e U.B.Kant

Voice off Uwe Schmieder

Drummer Dieter Kölsch

with Maria Laura De Bardi, Aurora Kellermann, Carsten Wilhelm and Frediano Bortolotti

 

You can spend your life being terrified, or you can turn yourself into a terrorist"
Ulrike Maria Meinhof

 

E.C.F.C. has been developed  first in Italy, being in the final selection of Premio Scenario and afterwards in Berlin having its premiere in the Volksbühne am Rosa Luxemburg Platz. It has never been played in Italy in its complete form.
It is a complex project made of a street performances campaign, a series of videoclips named “ECFC Die Revolution geth in Urlaub/La rivoluzione in vacanza/The revolution goes on holiday” a series of interactive installations and a theater play.

E.C.F.C. is a collection of questions about armed struggle, the events of the seventies and eighties in Italy and Germany, seen through the eyes of people who did not experience the “Years of lead” or the German Autumn. To fill this void we create a world without history using various forms, theatrical and not, making up a performance stylistically etheorogeneous but, at the same time, organic. It is not about historical reconstruction, it is a a-moral discussion on the theme. An intimate, personal, emotional discussion. Our glance is challenging, sometimes cynical, grinning with a cruel irony.

The rebellion is in the human nature. What brings the terrorists to become a terrorist? What leads a person to become a martyr for the sake of a society which rejects him?  On stage two actresses and an actor, a musician, a projector, a trunk, a megaphone, a balaclava and a leather coat. A gun. Words taken out from political press become part of absurd love speeches taking place in a bed which we imagine can embrace a full generation. Subversive dialogues whispered in the twilight of a hideout on the fringes of the society. Insults to an audience which cannot understand the reasons why it' s being insulted and a body in sensory isolation described through words sung in the wire of a microphone. The relationship between the three characters changes continuously: the dressing up, a hideout in the own skin, becomes a declaration of war, the undressing a painful gift made to someone who can do nothing else as destroying this body which he cannot embrace. The edge of the bodies crosses the one of the video, which in this upside-down world aires programs and spot inspired by political songs and demonstration's slogans. In this confusion between reality and fiction, where talking about reality ist already impossible, our intent, an absolutely criminal one, is to let everyone hear deep in himself, even though just for a moment, the angry voice of the terrorist which is in him.

The urban space
We have experienced different “site-specific” situations in Germany and it is always interesting for us to propose this formal solution. E.C.F.C., of the duration of about one hour, is built in stations. Both in the frontal version and in the moving one its dramaturgical structure is composed by 11 autonomous blocks. Between the blocks a movement in the space can take place. Both the actors and the drummer can lead the movements. Ideal places are both indoor or outdoor.

Collateral
We like to receive he audience in a different world already before the beginning of the play. For E.C.F.C., beyond the screening of the videos The revolution goes on holiday  we ask the audience to line up by choosing to “live the life terrified” or to “become a terrorist” . In the meantime through a small questionnaire we ask them what they would destroy having the chance to. The answers will be collected during the show and read aloud during one of the scenes. 

 

"Si può passare una vita terrorizzati oppure diventare terroristi" Ulrike Maria Meinhof

 

E.C.F.C. è stato sviluppato  prima in Italia, dove è stato semifinalista alla selezione Premio Scenario, e successivamente a Berlino, dove ha debuttato nel mese di marzo presso il teatro Volksbühne am Rosa Luxemburg Platz. Non è mai stato rappresentato in Italia nella sua forma definitiva.
Si tratta di un progetto composito che comprende una campagna di street performances o “spettacolo itinerante”, una serie di videoclips “ECFC Die Revolution geth in Urlaub/La rivoluzione in vacanza/The revolution goes on holiday” una serie di installazioni interattive e uno spettacolo teatrale.

 

E.C.F.C. è in primo luogo una raccolta di domande sulla lotta armata, sugli eventi degli anni settanta e ottanta in Italia e in Germania visti con gli occhi di chi non ha vissuto gli anni di piombo o l'autunno tedesco. Domande che necessariamente si rivolgono anche verso il presente.
Creiamo un mondo senza storia utilizzando forme diverse, teatrali e non, che compongono uno spettacolo stilisticamente eterogeneo. Non si tratta di un lavoro legato alla memoria storica di quel periodo, piuttosto vuole essere una discussione a-morale sul tema, una discussione intima, personale, emotiva. Il nostro sguardo è provocatorio, a tratti cinico, sorridente di una crudele ironia.

Ribellarsi è umano, naturale. Cosa porta il terrorista a diventare terrorista? Cosa porta una persona a farsi martire indesiderato per il bene di una società che lo rifiuta?
Evitiamo giudizi e moralismi per esplorare quel territorio che si insinua fra il pensiero politico e l'azione politica e identificare quella scintilla che trasporta i nostri personaggi dal mondo delle idee a quello delle azioni. In questo abbandono della morale ricerchiamo il lato intimo della scelta della clandestinità: i nostri interrogativi sono personali prima che politici, il movimento che andiamo a ricercare è quello dei corpi prima che delle idee. Lì dove qualcosa si frappone fra il pensiero e l'azione. 

 

Il travestimento, nascondiglio nella propria stessa pelle, diventa una dichiarazione di guerra, lo spogliarsi un doloroso dono fatto ad un prossimo che altro non può fare che distruggere quel corpo che non sa accogliere.
Il nostro intento, un intento assolutamente criminale, è far sì che ognuno, nel proprio intimo, ascolti anche solo per un attimo la voce rabbiosa del terrorista che c'è in lui.

Lo spazio urbano
Abbiamo fatto esperienza di diverse situazioni "site-specific" in Germania a Greiz e a Berlino, dove lo spettacolo è nato, e ci sembra interessante continuare a proporre questa soluzione formale. E.C.F.C., della durata di circa un'ora, è pensato per stazioni. Sia nella sua versione frontale che in quella itinerante la struttura drammaturgica è composta da 11 blocchi essenzialmente autonomi.  I passaggi da un blocco all'altro, caratterizzati sempre da un cambio di "ambientazione", possono coincidere almeno in parte con degli spostamenti. Sia gli attori che il percussionista possono essere veicolo di tali movimenti. Luoghi adatti possono essere sia interni che esterni, dal foyer del teatro a cortili, scalinate e piazze.
 

Collaterali

Ci piace accogliere il pubblico in un mondo diverso già prima dell’inizio dello spettacolo. Per E.C.F.C., oltre alla proiezione
dei Video “La rivoluzione va in vacanza” chiediamo al pubblico di schierarsi scegliendo se “Passare una vita terrorizzati”
oppure “Diventare terroristi”. Parallelamente, attraverso un piccolo questionario, chiediamo loro che cosa distruggerebbero
se ne avessero la possibilità. Le loro risposte saranno raccolte durante lo spettacolo e lette durante una delle scene.

 

 

Text and direction AKR

Live screenings e light design Domenico Catano

Music Akoros e Domenico Catano

Dresses Jeannine Simon e AKR

Photography Markus Götze  

Prduction AKR2010

in cooperation with effimerateatro, NNU e TeatroForte

Thanks to Fabio Massi e U.B.Kant

Voice off Uwe Schmieder

Drummer Dieter Kölsch

with Maria Laura De Bardi, Aurora Kellermann, Carsten Wilhelm and Frediano Bortolotti

 

"You can spend your life being terrified, or you can turn yourself into a terrorist"
Ulrike Maria Meinhof

E.C.F.C. has been developed  first in Italy, being in the final selection of Premio Scenario and afterwards in Berlin having its premiere in the Volksbühne am Rosa Luxemburg Platz. It has never been played in Italy in its complete form.
It is a complex project made of a street performances campaign, a series of videoclips named “ECFC Die Revolution geth in Urlaub/La rivoluzione in vacanza/The revolution goes on holiday” a series of interactive installations and a theater play.

E.C.F.C. is a collection of questions about armed struggle, the events of the seventies and eighties in Italy and Germany, seen through the eyes of people who did not experience the “Years of lead” or the German Autumn. To fill this void we create a world without history using various forms, theatrical and not, making up a performance stylistically etheorogeneous but, at the same time, organic. It is not about historical reconstruction, it is a a-moral discussion on the theme. An intimate, personal, emotional discussion. Our glance is challenging, sometimes cynical, grinning with a cruel irony.

The rebellion is in the human nature. What brings the terrorists to become a terrorist? What leads a person to become a martyr for the sake of a society which rejects him?  On stage two actresses and an actor, a musician, a projector, a trunk, a megaphone, a balaclava and a leather coat. A gun. Words taken out from political press become part of absurd love speeches taking place in a bed which we imagine can embrace a full generation. Subversive dialogues whispered in the twilight of a hideout on the fringes of the society. Insults to an audience which cannot understand the reasons why it' s being insulted and a body in sensory isolation described through words sung in the wire of a microphone. The relationship between the three characters changes continuously: the dressing up, a hideout in the own skin, becomes a declaration of war, the undressing a painful gift made to someone who can do nothing else as destroying this body which he cannot embrace. The edge of the bodies crosses the one of the video, which in this upside-down world aires programs and spot inspired by political songs and demonstration's slogans. In this confusion between reality and fiction, where talking about reality ist already impossible, our intent, an absolutely criminal one, is to let everyone hear deep in himself, even though just for a moment, the angry voice of the terrorist which is in him.

The urban space
We have experienced different “site-specific” situations in Germany and it is always interesting for us to propose this formal solution. E.C.F.C., of the duration of about one hour, is built in stations. Both in the frontal version and in the moving one its dramaturgical structure is composed by 11 autonomous blocks. Between the blocks a movement in the space can take place. Both the actors and the drummer can lead the movements. Ideal places are both indoor or outdoor.

Collateral
We like to receive he audience in a different world already before the beginning of the play. For E.C.F.C., beyond the screening of the videos The revolution goes on holiday  we ask the audience to line up by choosing to “live the life terrified” or to “become a terrorist” . In the meantime through a small questionnaire we ask them what they would destroy having the chance to. The answers will be collected during the show and read aloud during one of the scenes. 

 
"Si può passare una vita terrorizzati oppure diventare terroristi" Ulrike Maria Meinhof

 
E.C.F.C. è stato sviluppato  prima in Italia, dove è stato semifinalista alla selezione Premio Scenario, e successivamente a Berlino, dove ha debuttato nel mese di marzo presso il teatro Volksbühne am Rosa Luxemburg Platz. Non è mai stato rappresentato in Italia nella sua forma definitiva. 
Si tratta di un progetto composito che comprende una campagna di street performances o “spettacolo itinerante”, una serie di videoclips “ECFC Die Revolution geth in Urlaub/La rivoluzione in vacanza/The revolution goes on holiday” una serie di installazioni interattive e uno spettacolo teatrale.
E.C.F.C. è in primo luogo una raccolta di domande sulla lotta armata, sugli eventi degli anni settanta e ottanta in Italia e in Germania visti con gli occhi di chi non ha vissuto gli anni di piombo o l'autunno tedesco. Domande che necessariamente si rivolgono anche verso il presente. 
Creiamo un mondo senza storia utilizzando forme diverse, teatrali e non, che compongono uno spettacolo stilisticamente eterogeneo. Non si tratta di un lavoro legato alla memoria storica di quel periodo, piuttosto vuole essere una discussione a-morale sul tema, una discussione intima, personale, emotiva. Il nostro sguardo è provocatorio, a tratti cinico, sorridente di una crudele ironia.

Ribellarsi è umano, naturale. Cosa porta il terrorista a diventare terrorista? Cosa porta una persona a farsi martire indesiderato per il bene di una società che lo rifiuta? 
Evitiamo giudizi e moralismi per esplorare quel territorio che si insinua fra il pensiero politico e l'azione politica e identificare quella scintilla che trasporta i nostri personaggi dal mondo delle idee a quello delle azioni. In questo abbandono della morale ricerchiamo il lato intimo della scelta della clandestinità: i nostri interrogativi sono personali prima che politici, il movimento che andiamo a ricercare è quello dei corpi prima che delle idee. Lì dove qualcosa si frappone fra il pensiero e l'azione. 
Il travestimento, nascondiglio nella propria stessa pelle, diventa una dichiarazione di guerra, lo spogliarsi un doloroso dono fatto ad un prossimo che altro non può fare che distruggere quel corpo che non sa accogliere. 
Il nostro intento, un intento assolutamente criminale, è far sì che ognuno, nel proprio intimo, ascolti anche solo per un attimo la voce rabbiosa del terrorista che c'è in lui.


 
Lo spazio urbano

Abbiamo fatto esperienza di diverse situazioni "site-specific" in Germania a Greiz e a Berlino, dove lo spettacolo è nato, e ci sembra interessante continuare a proporre questa soluzione formale. E.C.F.C., della durata di circa un'ora, è pensato per stazioni. Sia nella sua versione frontale che in quella itinerante la struttura drammaturgica è composta da 11 blocchi essenzialmente autonomi.  I passaggi da un blocco all'altro, caratterizzati sempre da un cambio di "ambientazione", possono coincidere almeno in parte con degli spostamenti. Sia gli attori che il percussionista possono essere veicolo di tali movimenti. Luoghi adatti possono essere sia interni che esterni, dal foyer del teatro a cortili, scalinate e piazze. 


 
Collaterali

Ci piace accogliere il pubblico in un mondo diverso già prima dell’inizio dello spettacolo. Per E.C.F.C., oltre alla proiezione dei Video “La rivoluzione va in vacanza” chiediamo al pubblico di schierarsi scegliendo se “Passare una vita terrorizzati” oppure “Diventare terroristi”. Parallelamente, attraverso un piccolo questionario, chiediamo loro che cosa distruggerebbero se ne avessero la possibilità. Le loro risposte saranno raccolte durante lo spettacolo e lette durante una delle scene.

 

 
Joomla templates by a4joomla